Parrocchia S.Nicola Vescovo 

S.O.S.

RESTAURO STATUA

 “MADONNA IMMACOLATA”

 

Da una accurata indagine dopo l’ultima processione del 8 dicembre 2004, si è potuto constatare che la statua della MADONNA IMMACOLATA necessita di restauro: infatti dal distacco di una mano si è notato che l’interno è completamente tarlato (essendo un’opera in legno). Pertanto si fa presente che attualmente la statua si trova presso il laboratorio R.T.U. (Restauri Tecnici Umanistici) del Prof. Franco Moscariello,riconosciuto dalla Sovrintendenza ai beni Culturali.

Il preventivo del progetto è di circa 3000 € (tremila).

Considerato l’alto valore artistico e di devozione che riscuote l’immagine sacra della MADONNA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE (tra le statue più antiche di Savignano),

CHIEDIAMO

 

ai Savignanesi una fattiva e generosa collaborazione alla realizzazione del progetto.

Le offerte possono essere recapitate al parroco Don Vincenzo Mastromauro oppure al costituito Comitato promotore che a breve farà la questua nelle vostre case.

 

      IL PARROCO                                                     IL COMITATO

Don Vincenzo Mastromauro

 

Statua “Madonna Immacolata”

 

 

 

La scultura è stata realizzata in legno scolpito e dipinto ed è una manifattura d’artigianato locale. Essa raffigura la Madonna posta sulla mezzaluna che calpesta un cumulo di nubi da cui fuoriescono dei cherubini. La Vergine è raffigurata con le mani giunte e spostate verso la destra, lo sguardo rivolto verso lo spettatore e ricoperta da un abito di colore chiaro scolpito come se fosse mosso dal vento: copre l’abito un mantello decorato con motivi floreali. Sul capo è posta una corona sormontata da un piccolo globo.

(Ministero dei beni culturali, Soprintendenza per i beni A.A.S.S. per le provincie di Salerno ed Avellino)

 

“Il sacerdote D. Niccolo Di Cicco di San Sossio, economo di questa chiesa nell’anno 1737, pose in piedi la divozione della Santissima Concezione di Maria Vergine, per la quale il signor Michele Pellecchia vi fece a sue spese la statua nell’anno 1754.”

(documento dall’archivio parrocchiale).